UN VIAGGIO EMOZIONANTE A CONOSCERE UN GRANDE UOMO

22 Febbraio 2019

In questi giorni sono stato a visitare uno dei produttori di vini naturali più importanti che abbiamo oggi in Italia. Un piccolo ma lungo viaggio sul Collio Italo Sloveno a conoscere Gravner e la sua meravigliosa storia di vita.

Siamo stati accolti da Mateja, figlia di Josco, la quale ci ha portati nei tre vigneti di famiglia illustrandoci la loro filosofia di produzione. 18 ettari di proprietà in completa simbiosi con il pensiero di Josko, produttore che per primo ha sperimentato la fermentazione delle uve in anfore georgiane. Ma dietro a questa passione ci sono anche storie di guerra, questa zona denominata anche Brda ha visto tante battaglie, guerre sanguinarie, processi e cambi di bandiera.

Josko ha tante cose da raccontare, una lunga storia fatta di sogni che ha realizzato con tanto coraggio.

Ci ha parlato dei suoi primi viaggi in Georgia dove è andato negli anni ottanta, obbligatoriamente con scorta armata, a prendersi le prime anfore. Al momento ne ha più di 40 ma ne ha dovute acquistare quasi 100 perché arrivavano per la maggior parte rotte causa il lungo viaggio che dovevano sostenere.

Storie incredibili.

Sempre nello stesso periodo durante la prima visita del grande Veronelli disse “un giorno espianterò tutti i vitigni bianchi come Riesling e Malvasia e coltiverò solo Ribolla Gialla perché è il vitigno che in questa zona esprime al meglio la sua identità e soprattutto fa parte della nostra storia”.

E così è stato. Tra qualche anno si troverà in commercio solamente la Ribolla, una scelta coraggiosa ma che testimonia l’amore che quest’uomo ha per la propria terra e per la sua storia.

La vinificazione in anfora lo ha poi catapultato tra l’olimpio dei produttori italiani. I suoi bianchi assomigliano più a rossi, lunghe macerazioni, grandi profumi, grande persistenza.

La sua ribolla 2008 bevuta ieri era una cosa incredibile, grandissima, infinita.

Ho conosciuto un grande uomo che ha sempre creduto nei suoi sogni e nei suoi valori, un uomo che produce il vino lasciando che sia la natura a fare il suo corso, senza controllo delle temperature, senza controllare il grado zuccherino e il valore di acidità.

Una persona con una grande storia alle spalle, un po’ silenzioso e riservato ma che produce vini di spessore e contro ogni moda. Ci ha accolto nella sua casa a mangiare un gustosissimo pranzo cucinato con amore dalla moglie utilizzando i frutti della loro terra, la carne dei loro maiali a testimonianza ancor di più della forza di quest’uomo e della sua meravigliosa famiglia.

Grazie Jasko.

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

per la tua prima volta, ti regaliamo il DESSERT

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire tutte le nostre novità.