IL CANEDERLO DEL PETTIROSSO

4 Novembre 2019

L’Osteria del Pettirosso è da 18 anni il locale in cui gustare la vera cucina della tradizione trentina abbinata al miglior vino del territorio da me selezionato con grande cura e passione.

 

Il nostro piatto più rappresentativo sono i canederli che qui in osteria chiamiamo “il Canederlo”.

 

Abbiamo imparato a farli ascoltando i consigli delle nostre mamme e delle nostre nonne, è talmente importante per noi che gli abbiamo anche dedicato un piatto.

 

“E’ come quello che mangio dalla mia nonna” è uno dei commenti che spesso fanno i nostri affezionati clienti, questa per noi è la soddisfazione più grande.

 

Ti stai chiedendo cos’hanno di speciale?

 

Il pane è fatto da noi e tagliato rigorosamente a mano, queste due caratteristiche garantiscono una morbidezza e una delicatezza unica.

 

Utilizziamo inoltre lo speck del nostro macellaio di fiducia, il grana trentino e, quando possibile, il burro di malga.

 

E’ un canederlo diverso da quello fatto dai nostri vicini altoatesini, molto più delicato e più leggero.

 

Quante volte ti è capitato di mangiare dei canederli che, per quanto potessero essere stati buoni, erano pesanti ed eccessivamente saporiti?

 

Sono sicuro che spesso ti sei trovato in questa situazione, fare un canederlo morbido e delicato non è semplice, per questo ti invito a provare il nostro, sono sicuro che rimarrai sorpreso.

 

Oltre alla versione classica potrai trovare nel nostro menù la versione stagionale, mensilmente la ricetta viene modificata utilizzando solo materie prime di stagione.

 

Un anno fa siamo stati contattati da Mediaset, incuriositi dal nostro “Canederlo” hanno voluto intervistarci.

 

Ti invito a vedere il video, clicca su https://www.youtube.com/watch?v=rtU2EXF6fjo.

 

Allora ti ho convinto?

 

Il nostro scopo non è solo servirti un piatto di canederli qualunque ma un piatto che possa sorprenderti.

 

Ti piacerebbe provare a farlo?

 

Ecco la ricetta (per 4 persone):

 

Pane raffermo 500 grammi

Latte 40 cl. Circa

2 uova

Trentingrana 50 grammi

Sale e pepe q.b.

Speck 100 grammi

Pasta di lucanica 50 grammi

Erba cipollina q.b

 

Scaldare il latte senza farlo bollire.

Versarlo in seguito sul pane tagliato a cubetti.

Mescolare bene l’impasto facendo in modo che il pane si bagni uniformemente. Attendere un po’ di tempo in modo che il pane assorba bene il latte.

Unire gli ingredienti rimasti iniziando dalle uova, a seguire lo speck tagliato a dadini piccoli, la pasta di lucanica precedentemente saltata in padella, il sale, il pepe, il Trentingrana e infine l’erba cipollina.

Fare un canederlo di prova per testare la consistenza facendo una palla e mettendola a bollire.

Se la consistenza non è quella ottimale aggiungere farina (q.b.). Cuocere i canederli per circa un quarto d’ora in acqua bollente salata. Servire spolverandoli con il Trentingrana e bagnandoli con il burro fuso.

 

Per realizzare la ricetta utilizzando altri ingredienti basta omettere lo speck, la pasta di lucanica e l’erba cipollina ed eseguire solo la ricetta base (gli ingredienti scritti in grassetto)

 

Per eventuali problemi nello svolgimento invia una mail a paolo@osteriadelpettirosso.it ti darò tutti i suggerimenti di cui hai bisogno.

 

Buon divertimento!

 

Paolo

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

per la tua prima volta, ti regaliamo il DESSERT

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire tutte le nostre novità.