CAMPI FLEGREI O IRPINIA?

10 Luglio 2020

Siamo in Campania in una delle zone italiane con la storia più importante dal punto di vista enologico.

Uno dei vini più prodotti in queste zone è sicuramente la Falanghina, vitigno protagonista della serata affrontata ieri sera dal Club “Un bicchiere con l’Oste”.




“Falanga” era il nome del palo che serviva a sostenere la vite, quella stessa vite che per secoli ha prodotto vini di medio livello che ma che poi, merito di una rivoluzione soprattutto culturale, ha cominciato a regalare dei vini dal carattere completamente opposto, vini che sanno regalare emozioni.




Diversi territori, diverse caratteristiche.

I Campi Flegrei regalano un vino fresco, sapido, dai profumi floreali e di frutta fresca con un salmastro di sottofondo tipico dei vini provenienti dalle zone vicine al mare.




Nei vini dell’entroterra invece troviamo più struttura, più profondità ma comunque sempre una freschezza di base che è tipica di questo vitigno in passato sempre un po' bistrattato.




Quello che ha più sorpreso i membri del club è stata la diversità riscontrata tra un vino e l’altro, dieci vini tutti con caratteristiche differenti, incredibile.




Nella prima batteria dedicata ai Campi Flegrei se la sono giocata il vino a mio parere che meglio esprimeva il territorio, il “Settevulcani” di Salvatore Martusciello contro la “Cruna deLago” di La Sibilla la quale, diversamente, mostrava il suo lato più elegante e complesso.

E’ stata una bella lotta, entrambi diversi ma decisamente interessanti.




Per quanto riguarda l’Irpinia delusione per il vino di Mastroberardino  ma grande plauso per il capolavoro dell’azienda il Poggio, un vino che oltre ad essere arrivato primo gode di un rapporto qualità prezzo incredibile.

Tanto di cappello anche per Masseria Frattasi e La Rivolta, due bellissime espressioni di questo inaspettato vitigno.




Ecco l’elenco dei vini in mescita:




SALVATORE MARTUSCIELLO -Falanghina dei Campi Flegrei Settevucani 2019




AGNANUM - Campi Flegrei Falanghina DOC 2019




CARPUTO VINI - Falanghina Campi Flegrei Dop 2017




CANTINE ASTRONI - Falanghina Campi Flegrei Colle Imperatrice 2019




LA SIBILLA - Falanghina Campi Flegrei 'Cruna deLago' 2017




FATTORIA LA RIVOLTA - Falanghina del Sannio sottozona Taburno 2019




MASTROBERARDINO-  Morabianca Irpinia Falanghina Doc  2019

GIOVANNI IANNUCCI  - Falanghina Bevenentano Campo di Mandrie 2017




IL POGGIO - Falanghina del Sannio Dop 2018




MASSERIA FRATTASI - Falanghina del Sannio Dop Taburno 2018







Concludendo devo dire che la degustazione è stata decisamente intrigante, ci siamo addentrati in un territorio a noi in parte ancora sconosciuto ma che ci ha fatto capire le sue grandissime qualità e soprattutto delle potenzialità ancora inespresse.




Vedremo nei prossimi anni cosa ci regalerà.




In alto i calici.




Paolo











 

 

 

Iscriviti alla newsletter

dell'Osteria del Pettirosso

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire tutte le nostre novità.