“BARRICATO” IN CASA – decima parte

22 Marzo 2020

Dopo la prima di Alberto ora è la volta di Giacomo, i membri del Club “Un bicchiere con l’Oste” ci stanno prendendo gusto.

Con la scusa di dovermi inviare la recensione… bevono!

 

Vai Giacomo a te la parola, vediamo cos’hai bevuto per questa importante occasione.

 

 

 

“Uno degli aspetti positivi della quarantena è sicuramente l’averci regalato un sacco di tempo a disposizione da passare rigorosamente in casa.

Passata l’inerzia dei primi giorni ho deciso di metter mano alla “cantina” cercando di fare il punto della situazione per capire come organizzare la disposizione dei vini.

 

Tra le diverse bottiglie mi capita in mano il Troccolone della cantina Capitoni, piccola azienda agricola nei pressi di Pienza nella bellissima Val d’Orcia.

Come racconta il produttore, il Troccolone è un’interpretazione del Sangiovese nata per valorizzare le uve provenienti da una singola porzione di vigneto interessante perché regala un vino ricco di profumi e freschezza nella beva.

 

Per esaltare le caratteristiche del vitigno e del territorio hanno scelto, dopo la fermentazione in acciaio, di lasciare affinare il vino in due giare in terracotta da 5 hl costruite con terra dell’Impruneta, realizzate manualmente senza stampi e tutta la superficie è lasciata al naturale. Dopo sei mesi di presenza del vino nelle giare concludono il processo con l’affinamento in bottiglia.

 

Il risultato è un vino dal colore rubino chiaro, al naso arriva un fruttato intenso, con ciliegia, amarena e fragoline, per poi lasciare piccoli accenni di cacao e spezie dolci. Ma la vera sorpresa è la profondità che si rivela all’assaggio, amarena e spezie che lasciano poi un lungo finale fruttato che ti fa venire voglia di berne ancora.

 

In alto i calici e resistiamo! Andrà tutto bene!

 

Giacomo”

 

Iscriviti alla newsletter

dell'Osteria del Pettirosso

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire tutte le nostre novità.